Concorso straordinario infanzia e primaria: info su bozza bando

Qualche chiarimento sul concorso straordinario previsto dalla Legge Dignità entrata in vigore il 12 agosto 2018 e che riguarda i docenti di infanzia e primaria con diploma magistrale conseguito entro l’a..s 2001/02 e i laureati in Scienze della formazione primaria.

Ai concorsi potranno partecipare anche i docenti di ruolo in possesso dei requisiti di accesso.

Quando sarà pubblicato il bando

La legge Dignità afferma

Il contenuto del bando, i termini e le modalità di presentazione delle domande, i titoli valutabili, le modalità di espletamento della prova orale, i criteri di valutazione dei titoli e della prova orale, nonché la composizione delle commissioni di valutazione e la misura del contributo idonea sono disciplinati con decreto del Ministero , dell’istruzione, dell’università e della ricerca, da adottare entro sessanta giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto. L’entità del contributo è determinata in misura tale da consentire la copertura integrale, unitamente alle risorse a tal fine iscritte nello stato di previsione del Ministero, degli oneri per l’espletamento della proceduri concorsuali”

 Questo non vuol dire che il bando sarà pubblicato entro ottobre.

“Termini” e modalità di presentazione della domande fa riferimento al limite temporale (ad es. trenta giorni dalla pubblicazione del bando) non alle date in cui concretamente potrà essere presentata la domanda. “Modalità” fa riferimento alla procedura di presentazione della domanda, verosimilmente su Istanze online.

Pertanto il decreto disciplinerà le modalità di tutto il concorso, ma poi bisognerà attendere il bando che, nella migliore delle ipotesi, arriverà entro fine anno. Il Miur ha avviato l’iter per la pubblicazione.

Il concorso si svolgerà nell’a.s. 2018/19 in modo da garantire le prime assunzioni già dall’a.s. 2019/20

I servizi valutabili

Il concorso sarà riservato ai docenti con diploma magistrale conseguito entro l’a.s. 2001/02 e ai laureati in Scienze della formazione primaria con due annualità di servizio specifico negli ultimi otto prestati nella scuola statale.

 

(per il Trentino i paletti saranno diversi Concorso diplomati magistrale e laureati SFP, 3 anni di servizio per il Trentino )

Il Miur ha fornito alcuni importanti chiarimenti sul servizio svolto su sostegno. 

Non sarà valido il servzio svolto nelle scuole paritarie. Leggi Concorso infanzia e primaria, no servizio paritarie. Pittoni “limitiamo assalto alla diligenza” 

Non sarà previsto un punteggio aggiunto per i docenti assunti in ruolo con riserva e che saranno licenziati in seguito alle sentenze di merito, come precedentemente annunciato

In analogia con il concorso riservato ai docenti abilitati della scuola secondaria indetto con DDG n. 85 del 1° febbraio 2018 verosimilmente il servizio potrà essere maturato fino all’ultimo giorno utile per la presentazione della domanda. Cosa si intende per anno scolastico. Concorso straordinario infanzia e primaria, entro quando maturare il servizio

Tabella titoli concorso straordinario

Inizialmente si era pensato di dare ai docenti che hanno già superato l’anno di prova un punteggio aggiuntivo. Tale idea è tramontata [vedi comunicato On. Azzolina (M5S )– Sen. Pittoni (lega)]

Un peso preponderante avranno invece gli anni di servizio. Questo è già stato assicurato all’interno del Decreto Dignità

Il concorso non sarà selettivo e il punteggio sarà composto in questo modo:

  • 70 punti per i titoli
  • 30 punti per la prova orale di natura didattico-metodologica

Tra i titoli valutabili:

  • superamento concorsi precedenti
  • altre abilitazioni di livello universitario

50 dei 70 punti per il servizio

I posti

I posti a bando dovrebbero essere circa 12.000.

Entro il 30 settembre è attesa la ricognizione dei posti disponibili.

Il Miur vuole bandire il concorso straordinario in tutte le regioni, dato che da esso discende una graduatoria utilizzata ad esaurimento.

Come avverranno le assunzioni

Il 50% dei posti sarà assegnato alle graduatorie ad esaurimento e il restante 50% ai concorsi. Qualora si esauriscano le GAE i posti residui si aggiungono a quelli destinati ai concorsi.

I concorsi a cui è destinata questa quota sono, prioritariamente, il concorso 2016 (inclusi coloro che abbiano raggiunto il punteggio minimo) e successivamente, qualora residuino posti, il concorso straordinario e il nuovo concorso ordinario con quote del 50% ciascuno. Qualora si esaurisca anche la graduatoria del concorso straordinario i posti residui si assegnano al nuovo concorso ordinario. Assunzioni infanzia e primaria: concorso 2016, concorso straordinario e ordinario

FONTE: https://www.orizzontescuola.it/

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.