Chiamaci 0922 651672
Orario di lavoro 9-13 | 16-19
Via Lombardia, 50 Agrigento
Incentivi alle imprese: on-line il nuovo portale

Incentivi alle imprese: on-line il nuovo portale – Raccoglie oltre 60 misure di 12 Enti: www.incentivi.gov.it – su iniziativa di Ministero dello Sviluppo Economico e Ministero del Lavoro – aiuterà le aziende a intercettare le misure a loro dedicate

L’obiettivo è semplificare la vita alle imprese, razionalizzando e rendendo più efficiente il sistema degli incentivi a loro dedicati. È da oggi on-line www.incentivi.gov.it  il nuovo portale che – per il momento – raccoglie oltre 60 misure per la crescita (in ballo ci sono parecchi miliardi) di 12 diverse amministrazioni che hanno deciso di aderire al progetto promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico e dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

L’iniziativa – presentata questa mattina dal ministro Luigi Di Maio insieme all’amministratore delegato di Cassa Depositi e Prestiti Fabrizio Palermo e all’amministratore delegato di Invitalia Domenico Arcuri – è il frutto della volontà di mettersi in sinergia di molte delle realtà che offrono servizi alle aziende. Oltre ai due Ministeri, sono infatti partner:

Agenzia delle Entrate
Cassa Depositi e Prestiti
Anpal
Gse
Enea
Finest
Invitalia
Inps
Ice
Unioncamere
Sace Simest
SofiCoop

“Non è solo un portale – ha spiegato Di Maio – ma un sistema di razionalizzazione delle misure a disposizione delle imprese. Da oggi inizia un percorso che, per le aziende, significa meno burocrazia e più facilità nel trovare gli incentivi. Va rivisto il meccanismo di erogazione, per evitare che, come accaduto negli ultimi dieci anni, il 30% circa delle risorse stanziate non arrivino mai ai destinatari: per un problema di comunicazione di questi strumenti al tessuto produttivo italiano, per un’organizzazione di questi incentivi che in alcuni casi risale a più di dieci anni fa, per i tempi e per la procedura troppo burocratizzata che magari scoraggia”.

Per la prima volta il portale “ribalta l’approccio – ha chiarito Di Maio – Fino ad ora, per cercare gli incentivi, bisognava andare sul portale o sulle strutture degli Enti, trovare lo strumento e vedere se corrispondeva alle proprie esigenze. Con incentivi.gov.it cambia la prospettiva: io sono un’impresa, o un cittadino che vuole conoscere quali misure ci sono per l’autoimprenditorialità, vado sul sito, inserisco le mie esigenze e il portale mi comunica quali sono le mie opportunità”.

Come ha precisato Fabrizio Palermo di Cassa Depositi e Prestiti, “si tratta di un primo passo per riorientare i prodotti sulla base delle esigenze dell’utenza. Lo scopo è chiaro: semplificare la vita alle aziende quando cercano di intercettare ciò che lo Stato mette loro a disposizione in termini di incentivi”.

Il progetto è però solo all’inizio. Il prossimo step – già da aprile – consiste nell’attivare un sistema di intelligenza artificiale che – attraverso l’utilizzo di chatbot – consenta di dialogare con più facilità con i servizi del portale.

Un ulteriore traguardo sarà quello di far confluire su www.incentivi.gov.it le misure in pancia a tutti i Ministeri e alle aziende da loro partecipate.

L’obiettivo finale è quello di arrivare a un punto unico di accesso agli incentivi, convogliando sul portale anche quelli delle Regioni. Tanto che – a breve – si aprirà una fase di concertazione su questo aspetto proprio con le amministrazioni regionali.

Non solo: in un quarto momento verrà anche messa a disposizione un’app gratuita che gli imprenditori potranno scaricare per monitorare in tempo reale le varie fasi dell’erogazione dell’incentivo. “Negli ultimi mesi Invitalia ha rilasciato tre app di questo tipo, relative a iniziative specifiche che abbiamo messo in campo per lo sviluppo – ha raccontato l’ad Domenico Arcuri – I risultati parlano da soli: tempi per le istruttorie ridotti del 20% e drastico abbattimento dei contenziosi”.

Aggiungi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi contrassegnati sono richiesti *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi maggiori informazioni?

Compila il form e fatti chiamare da ISoRS